Home > chirologia > Riflessologia e Chirologia

Riflessologia e Chirologia


Durante un seminario di Riflessologia della mano con Valter Vico, ho proposto l’automassaggio delle linee principali della mano, o meglio, un “ascolto tattile” delle linee principali. Massaggiando le linee attuiamo la stimolazione delle loro caratteristiche ed è anche possibile farsi un’autolettura.

Di solito la lettura della mano è visuale. Si osservano le linee del palmo e se ne valutano le caratteristiche per eseguire la divinazione. Di fatto la lettura avviene anche attraverso il contatto tra il chirologo e il cliente. Si prende la mano e si scorrono le dita sul palmo per individuarne i segni e le loro qualità.

Vi propongo un semplice schema per comprendere le qualità delle linee e memorizzare la modalità e la sequenza di trattamento. Le tre linee principali, cioè la Testa, il Cuore e la Vita, riflettono simbolicamente la triade taoista e ne appresentano rispettivamente: l’Uomo, il Cielo e la Terra.

La prima linea che andiamo a trattare, parte dallo spazio tra pollice e indice, e va verso il polso, la linea della Vita o della Terra, la linea inferiore.

La seconda è la linea del Cuore, dei sentimenti, o del Cielo, della spiritualità e della sessualità, che parte da sotto il mignolo e va verso l’indice, la più alta.

La terza linea, che è anche la linea mediana, cioè la linea dell’Uomo, o della Testa, dell’intelligenza, parte tra il pollice e l’indice e va verso il lato opposto della mano, seguendo un percorso dritto o curvo.

In genere le linee migliori, le più armoniche, sono curve, mentre le linee dritte sono più rigide, e quindi indicano rigidità nei campi di azione, cioè l’affetto, la salute e l’intelligenza.

Per prendere contatto con queste linee, con un dito o il pollice seguiamo il percorso e andiamo a percepirne la consistenza e la profondità. Possiamo seguire la linea e il percorso e stimolare l’attivazione della linea, seguendo la direzione della sua formazione.

La linea non è altro che una piega della pelle che è data dal movimento della mano. Per questo motivo nel cervello sono presenti innumerevoli neuroni che riflettono il collegamento con i movimenti della mano. La linea della Vita contorna la base del pollice. Il pollice rappresenta la Volontà, quindi più abbiamo un pollice flessibile, più abbiamo capacità di affrontare la vita con volontà e con flessibilità; invece le caratteristiche caratteriali sono opposte se l’apertura del pollice è difficoltosa ma anche se è eccessiva, o lassa.

Nel caso della linea della Vita, il movimento è dato dalla estensione e dalla flessione del pollice. Apriamo il pollice: aprendo la mano, la linea è posta in tensione. Il movimento di apertura, o estensione, è propedeutico: si apre l’articolazione del pollice, che favorisce la capacità di flessione o chiusura del pollice.

Trattamento della linea della Vita

  • Afferriamo il pollice e il dorso della mano con l’altra mano.
  • Portiamo il pollice in estensione.
  • Portiamo il pollice alla massima apertura rispetto al piano del palmo.
  • Afferriamo il pollice con le dita dell’altra mano e con il pollice libero, facciamo scivolare il polpastrello lungo la linea partendo dal bordo del palmo.
  • Ripetiamo più volte, soffermandoci sulle zone tese.
  • Poi cambiamo presa, tenendo sempre il pollice con le altre dita, usiamo il pollice libero per premere nello spazio dorsale tra pollice e indice (IC#4).
  • Ripetere su entrambe le mani.

Spostiamoci sulla linea del Cuore, che parte dalla zona del mignolo.

Trattamento della linea del Cuore.

  • Teniamo fermo il mignolo con le dita dell’altra mano.
  • Facciamo slittare il polpastrello del pollice libero sul percorso della linea.
  • Spostiamo la presa della mano.
  • Afferriamo le dita con le altre dita di traverso e con il pollice appoggiato sul dorso all’altezza delle nocche delle dita.
  • Portiamo indietro le dita, estendendole al massimo, assieme al mignolo.
  • Facciamo in modo di esporre al massimo la linea del Cuore.
  • Afferriamo il mignolo con le dita e estendiamolo al massimo, spingendolo all’indietro.
  • La linea si apre al suo inizio e si evidenzia bene.
  • Afferriamo nuovamente il mignolo con le altre dita e con il polpastrello del pollice libero tracciamo e seguiamo la linea del Cuore, percependone la profondità.
  • Seguiamo la linea dove ci porta, dritta o curva, verso l’alto o il basso.
  • Afferriamo il mignolo con le dita e puntiamo il polpastrello del pollice all’inizio della linea del Cuore (IT#3) sul bordo del palmo. Facciamo leva sul punto, divaricando il mignolo verso l’esterno.

Poi c’è la linea dell’Uomo, o linea della Testa. Se è una linea dritta è bene mettere nella vita praticità, se è curva usiamo di più la creatività.

Trattamento della linea della Testa.

  • Afferriamo il palmo con il pollice appoggiato al palmo e le altre dita sul dorso.
  • Facendo scivolare il polpastrello del pollice, seguiamo la direzione della linea che può essere dritta o curva.
  • Seguiamo semplicemente il suo percorso. Quando si biforca, seguiamo prima una direzione e poi l’altra.
  • Quando c’è una biforcazione ci sono due qualità utili, non va fatta una preferenza.
  • Appoggiamo le dita e il pollice in corrispondenza dei polpastrelli della sua mano e facciamo flettere tutte e dita all’indietro, tenendo fermo il polso con l’altra nostra mano
  • Facciamo chiudere le sue dita e premiamo le sue stesse unghie sulla linea, delicatamente. Oppure con entrambi i pollici posati sulle altre due linee, apriamo ed espandiamo la linea della Vita.

Azione e funzione del massaggio palmare

Nell’eseguire il trattamento immaginiamo di aver a che fare con corsi d’acqua e che lo scopo del trattamento sia di liberarli dalle ostruzioni, dragandone il corso per far fluire l’acqua. Se troviamo degli impedimenti, cerchiamo delicatamente di spianare il percorso.

Più lunghe sono le linee, più rappresentano potenziali caratteristiche di forza e di vitalità. Cerchiano idealmente di spianarle, di allungarle, per favorire queste qualità.

La stimolazione del palmo favorisce la linea e ne dispiega le sue qualità. Attiva il flusso di forza e vitalità espressa.

Ci sono altre linee, di cui una molto interessante, cioè la linea del Destino, che fanno parte delle linee accessorie. Non tutti hanno questa linea, che parte idealmente dal polso e va verso il dito medio. Seguiamo comunque il suo percorso ideale e possiamo vedere o percepire al tatto, che in alcuni tratti c’è, in altri scompare. Può essere più profonda o è più superficiale.

Trattamento della linea del Destino

  • Afferriamo la base della mano con le dita sul dorso e il pollice appoggiato alla base del palmo.
  • Facciamo scivolare il polpastrello del pollice, seguendo il percorso fino alla sua fine ideale, cioè fino al dito medio.
  • Ripetere il percorso, appoggiando il pollice libero sul centro della mano che divide in due il palmo e facendolo scivolare sulla linea verticale per stimolarne la presenza e la costituzione.
  • Far chiudere la mano a pugno e individuare sulla linea del Destino il punto dove poggiano i polpastrelli del dito medio e dell’anulare. Con il pollice massaggiare il punto (MC#8).

Le linee son percorsi di energia come i meridiani e si instaurano quando ci sono le competenze e capacità delle persone.

Questa linea indica competenza nel padroneggiare lo yin e lo yang, la praticità e la fantasia. Esprime la potenzialità di mettere insieme e in equilibrio sentimenti e volontà.

Anche il dito medio è come un ago della bilancia: se gira verso il mignolo predomina la fantasia, se gira verso il pollice predomina la praticità. E’ importante usare queste capacità al meglio.

Concludiamo il trattamento con il polso, su cui sono visibili le linee della salute. Le linee della salute sono al massimo quattro, con un minimo di una.

Trattamento delle linee della Salute.

  • Afferriamo la mano come per stringerla ma al contrario, ponendo il pollice sul palmo e le altre dita sul dorso.
  • Ruotiamo il polso a destra e a sinistra e in avanti e all’indietro.
  • Se il polso è mobile, cioè se ruotiamo facilmente la mano in tutte le direzioni, o lo flettiamo con facilità in avanti o all’indietro, è indice di flessibilità di carattere.

Più è flessibile e più sono presenti linee in questa zona, più la salute sarà forte.

 

  1. Al momento, non c'è nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: